cabina armadio profonda

Una delle richieste più frequenti è la possibilità di avere una cabina armadio in camera da letto. In sostituzione al classico armadio, così da predisporre un’intera zona dell’abitazione per i nostri indumenti.

Dimensioni per cabina armadio

Cercheremo di vedere insieme alcuni accorgimenti, per sfruttare al massimo i vari spazi. Naturalmente, più grande è la nostra camera, più avremo spazi per organizzare ed accessoriare la nostra cabina armadio. Tuttavia non è detto che un ambiente piccolo corrisponde ad una piccola cabina armadio e con poca capienza.

Giocherà quindi un ruolo fondamentale la progettazione di tutti gli spazi. In questo caso farsi consigliare da un architetto o arredatore farà la differenza poiché saprà sfruttare ogni singolo centimetro, organizzando il tutto in maniera funzionale.

In questo articolo cercherò di proporvi una soluzione lineare, semplice e pratica per tutte le abitazioni. Così da poter avere un punto di partenza e degli spunti progettuali per chi vuole usare spazi diversi.

Cabina armadio in una stanza piccola

Ogni cabina armadio, sarà sempre diversa in base alle esigenze di chi la usa, partiremo quindi da una semplice camera standard da 3×1,5 mt per progettare una cabina armadio per una coppia.
Ritengo che una una cabina armadio possa definirsi tale, quando al suo interno possiamo non solo depositare i nostri vestiti ed oggetti, ma che possiamo comodamente vestirci. La profondità gioca quindi un ruolo fondamentale, dato che maggiore è la profondità, maggiore sarà la percezione di comfort al suo interno. Consideriamo che in media la struttura di una cabina armadio è profonda circa 50/60 cm (in commercio troviamo anche profondità minori).
Infine, ma non meno importante deve essere suddivisa in maniera equa per la coppia, dedicando lo stesso spazio ad entrambi. Questa soluzione di parità, non sarà ben accettata dalle lettrici, siccome ogni donna, inevitabilmente ruberà pian piano dei centimetri all’uomo lasciando forse 50 cm al proprio partner.

Sfruttare l’altezza della stanza per progettare la cabina armadio

cabina armadio

Progettiamo la nostra cabina partendo dal centro e sfruttando sempre la massima altezza.
Un modulo da 30 cm con ripiani consentirà di riporre comodamente oggetti come borse, scarpe, scatole ed oggetti personali. Così da riservare la restante parte della cabina a tutti gli accessori di uso quotidiano e tenerli a portata di mano.
Continuiamo con modulo da 60 cm che suddivideremo con un semplice ripiano centrale e doppio appendiabiti. Così da sfruttare il massimo spazio per le nostre camicie, maglie e pantaloni. I moduli possono essere accessoriati con sistemi estraibili per pantaloni, scarpe, cinture ed accessori vari, che daranno un tocco personale alla nostra cabina.
Terminiamo la nostra composizione con un secondo modulo da 60 cm che sfrutteremo a tutt’altezza, per deporre abiti lunghi e cappotti.
Nella parte bassa del modulo inseriremo una cassettiera, elemento utilissimo sia per la classica biancheria, che per tenere sempre in ordine la nostra cabina. Raddoppiando i moduli, avremo composto la nostra cabina in maniera semplice e funzionale.

Quindi il consiglio è di stare molto attenti al progetto dell’architetto e verificare se ha sfruttato al massimo gli spazi in base alle vostre esigenze. È necessario curare ogni centimetro, perché arredare una cabina armadio è facile se seguiti da un professionista.

| Categoria: Idee & Consigli | Commenti: 0
Avatar for Nunzio Arcone

Autore:

Sono Nunzio Arcone, architetto ed interior designer dal 2015. Amo progettare i vari ambienti della casa, guardando con attenzione la giusta relazione tra bello e funzionale, dando vita ad ambienti confortevoli ed eleganti. Adoro in particolare le linee pulite ed essenziali, mi diverto a mixare nello stesso progetto elementi naturali e particolari. Penso che l’ architetto non è una figura unilaterale, ma una vera e propria guida per il committente, per indirizzarlo verso le scelte giuste e trasformare in realtà, la casa che ha sempre sognato. La cosa più gratificante del mio lavoro è quando vedo lo sguardo del cliente, immerso e soddisfatto di ciò che insieme si sta progettando. Ritengo che l’esperienza, la formazione ed il continuo aggiornamento siano alla base del nostro lavoro, sono felice del percorso che sto facendo e mi auguro di trasmettere questa passione ad i miei clienti.