piano cottura ad induzione

In Italia siamo ancora molto legati all’utilizzo del classico piano cottura a gas. Causa soprattutto delle scarse e cattive informazioni che si hanno circa il piano ad induzione, invece molto usato all’estero.
I fattori a favore dell’induzione sono davvero molteplici, tali da convincere anche i più scettici sull’argomento. Ecco dei buoni motivi per scegliere l’induzione al gas.

L’estetica del piano cottura ad induzione

Dal punto di vista della bellezza un piano cottura ad induzione vince su tutti. La sua linearità, il suo ridotto spessore e la possibilità di scelta tra vari colori (non esiste solo nero), lo rendono il più piacevole alla vista.

La pulizia del piano

il piano cottura ad induzione non scotta
Hai mai pulito un piano cottura a gas? Smonta le griglie (in ghisa o laccate che siano), lava separatamente gli elementi del bruciatore, sgrassali per evitare che residui di cibo possano ostruire la fuoriuscita del gas, con un panno pulisci il fondo del piano. Adesso proviamo a pulire un piano cottura ad induzione: prendi una spugnetta, passala sul piano ed asciuga con un panno. Il gioco è fatto!

Il rendimento nell’ambiente dell’induzione

Un piano cottura ad induzione ha un rendimento del 90 %, riducendo al minimo lo spreco di energia. Un piano a gas disperde calore nell’ambiente, infatti non tutto il calore sprigionato è concentrato sotto la pentola, basta pensare che i manici delle pentole scottano e questo accade perché parte del calore si disperde nello spazio circostante.

La sicurezza

il piano cottura ad induzione non scotta Il piano cottura ad induzione è freddo intorno alle pentole con le quali stiamo cucinando, riducendo il rischio di scottature.
Non c’è pericolo di fughe di gas o di fiamme vive e nel caso in cui lo dimenticassimo acceso si spegnerà da solo se non rileva la pentola al di sopra.

Le pentole da usare sul piano cottura ad induzione

Posso usare la mia vecchia batteria? Probabilmente si! Il piano funzionerà solo se il fondo delle pentole è magnetico, basta fare una semplice prova: se una calamita è attratta dal fondo della pentola allora è adatta all’induzione.

I consumi dell’induzione

Il piano cottura ad induzione è poco utilizzato in Italia principalmente per la paura di ricevere una bolletta troppo alta. In primis ogni anno energia e gas subiscono degli aumenti, ed in percentuale il gas aumenta sempre di più! Inoltre prove tecniche hanno dimostrato che cuocendo la stessa pietanza su un piano ad induzione e su uno a gas, si risparmia circa 1 centesimo di Euro utilizzando l’induzione, questo è dovuto al minor tempo che occorre per cucinare (l’acqua bolle in meno di 3 minuti). Ovviamente si consiglia di richiedere un voltaggio superiore rispetto ai 3 KW per essere tranquilli di poter usare contemporaneamente più elettrodomestici.

Insomma stiamo al passo coi tempi ed usiamo l’induzione!

| Categoria: Idee & Consigli | Commenti: 0
Avatar for Antea Zanga

Autore:

“Mamma da grande disegnerò case e il mio ufficio sarà un fiore di vetro giusto al centro di un grande negozio di mobili” è stata la mia prima visita in mobilificio, avrò avuta circa 7 anni. Tutti sappiamo che non sempre i sogni dei bambini diventano realtà. Ma i sogni, quando mossi da un profondo sentimento, da tanta passione e buona volontà possono realizzarsi: oggi disegno case, bellissime case, in un fantastico mobilificio. Ma ancora aspetto il mio ufficio a forma di fiore! Dal 2013 sono un architetto e la mia carriera è iniziata fin da subito come interior designer. Certo ho ancora tanto da imparare, ma ogni nuova casa, ogni nuovo cliente aggiunge un tassello al mio puzzle di esperienza. Ogni giorno il mio lavoro è stimolante e sempre diverso, non esistono due case o due persone uguali e questo spinge la mia creatività a sperimentazioni sempre diverse. La passione invece mi spinge ad aggiornarmi continuamente su quelli che sono i nuovi prodotti, le nuove tendenze, per assicurare alle case che progetterò di essere sempre alla moda e all'avanguardia, tenendo sempre in considerazione le esigenze e i gusti di coloro che le abiteranno.